Cosa abbiamo realizzato Reviewed by Momizat on . Un gruppo di medici, operatori sanitari, volontari della solidarietà, già presenti in passato in teatri di guerra europei (Bosnia e Kosovo), sono partiti dalla Un gruppo di medici, operatori sanitari, volontari della solidarietà, già presenti in passato in teatri di guerra europei (Bosnia e Kosovo), sono partiti dalla Rating:
You Are Here: Home » Ad Oggi » Cosa abbiamo realizzato

Cosa abbiamo realizzato

Un gruppo di medici, operatori sanitari, volontari della solidarietà, già presenti in passato in teatri di guerra europei (Bosnia e Kosovo), sono partiti dalla loro esperienza maturata “sul campo” e hanno deciso di costituire l’Associazione di Volontariato CERVIAUXILIA, una Onlus senza fini di lucro con sede a Cervia, in provincia di Ravenna.

La costituzione “ufficiale” è avvenuta in Settembre ma i medici erano già attivi da circa 2 anni, a titolo personale, nella realtà di N’Gaundal (Camerun), una piccola località di circa 20.000 abitanti a 600 km a nord dalla capitale Yaoundè. Proprio a N’Gaundal è presente il Centre de Santè Integre de la Mission Catholique gestito da alcune Suore della Carità italiane.

Fino ad oggi abbiamo realizzato:

3 missioni sanitarie , con medici soci dell’Associazione, della durata di circa 3 settimane ognuna.

Hanno operato presso la Missione Cattolica di N’Gaundal:
– 1 pediatra
– 1 ginecologo
– 1 dentista
– 1 medico di medicina generale

Durante l’ultima missione, Novembre-Dicembre 2005. il Dott Maurizio Morelli, ginecologo nonché Presidente, e il Dott. Giancarlo Stringa, Vice-Presidente, hanno trasportato e donato alla missione:
– 1 ecografo portatile per la diagnosi prenatale
– 1 pulsossimetro per la diagnosi di casi di sofferenza neonatale
– 2.000 euro in contanti
– medicinali
– attrezzature diverse per il corretto funzionamento degli apparati.

Durante la missione il Dott. Morelli ha organizzato un piccolo corso di “formazione” destinato a 3 ragazzi della Missione, operatori sanitari di base, e gli ha insegnato ad usare l’ecografo ed il pulsossimetro rilasciandogli un piccolo “diplomino” il che, oltre a gratificarli professionalmente, ha notevolmente aumentato il loro prestigio e la loro autorevolezza presso la popolazione locale.
In questo modo si è riusciti ad assicurare una continuità nell’uso delle strumentazioni, non più circoscritto e limitato alla presenza dei volontari cervesi.

Se tutto ciò è stato possibile lo si deve a quanti, iscritti all’Associazione, privati cittadini, Associazioni di categoria, gruppi di amici e sostenitori, hanno dato credito alle nostra Associazione e si sono attivati in tanti modi, organizzando cene di beneficenza, sottoscrizioni, spettacoli musicali ed eventi sportivi destinati alla raccolta fondi.

N.B. I volontari in missione pagano di tasca loro le spese di viaggio e di soggiorno, tutto quello che raccogliamo va destinato alla Missione.

Leave a Comment

© 2019 Powered By Amon Design

Scroll to top