IL MARE CHE CURA Reviewed by Momizat on . Il  progetto  promosso dalla Cooperativa Sociale Psicke di Ravenna nasce da esperienze già attive nel territorio di Ravenna e ha l’obiettivo di facilitare l’acc Il  progetto  promosso dalla Cooperativa Sociale Psicke di Ravenna nasce da esperienze già attive nel territorio di Ravenna e ha l’obiettivo di facilitare l’acc Rating:
You Are Here: Home » Bacheca » IL MARE CHE CURA

IL MARE CHE CURA

Il  progetto  promosso dalla Cooperativa Sociale Psicke di Ravenna nasce da esperienze già attive nel territorio di Ravenna e ha l’obiettivo di facilitare l’accesso al mare di giovani ed adulti diversamente abili, con disagio relazionale e categorie a rischio di esclusione sociale e marginalizzazione, attraverso laboratori di barca a vela.

Destinatari

Il progetto è rivolto ad  un gruppo di giovani adulti della cooperativa “Lo Stelo” di Cervia ed un gruppo di ragazzi dell’associazione cervese “Impronte di Solidarietà”, oltre al gruppo di ragazzi ormai collaudato dell’associazione Ama La Vita di Ravenna. Esso si propone di costruire nel territorio di Cervia, assieme agli enti e alle associazioni locali, le basi per facilitare l’accesso e l’integrazione di persone portatrici di disabilità psichica, fisica e relazionale e i loro familiari, al contesto del mare e della nautica. Il progetto si avvale della collaborazione del Circolo Nautico di Cervia che offre gli spazi e della Congrega del Passatore che mette a disposizione le barche e gli skipper.

Finalità

  • Ridurre la discriminazione, i pregiudizi  e le barriere sociali legate alla disabilità attraverso il gruppo lavoro con la rete sociale e culturale di appartenenza, riconquistandosi uno spazio sociale  condiviso e riconosciuto.
  • Realizzare un intervento formativo-esperienziale attraverso le attività del mare e della vela coinvolgendo il sistema  tecnico, familiare e sociale.
  • Favorire l’uscita dalla solitudine e dall’assenza di riferimenti e obiettivi attraverso una migliore apertura, socialità e accettazione dell’altro
  • Produrre cambiamenti nel proprio Sè e favorire il riconoscimento dell’Altro attraverso il “gioco” di gruppo
  • Creare opportunità di apprendimento, di crescita e di sviluppo della gestione delle emozioni
  • Riuscire ad accettare e condividere i propri limiti e le regole del gruppo (la barca come acceleratore sociale e sviluppo di identità attraverso i ruoli tecnici
  • Stimolare il desiderio e la motivazione attraverso una progettazione comune
  • Stimolare i processi comunicativi e cognitivi (attenzione, concentrazione, memoria, linguaggio) attraverso una progettualità operativa temporale

Leave a Comment

© 2019 Powered By Amon Design

Scroll to top