LA “STAFFETTA” PREMIATA DAL SINDACO ZOFFOLI Reviewed by Momizat on . ADA BELLI HA PARTECIPATO ALLA RESISTENZA QUANDO ERA VENTENNE. VIENE CITATA NEL LIBRO SULLA VITA DI CARLO SAPORETTI, ORA LO LEGGERA’ Il sindaco Roberto Zoffoli h ADA BELLI HA PARTECIPATO ALLA RESISTENZA QUANDO ERA VENTENNE. VIENE CITATA NEL LIBRO SULLA VITA DI CARLO SAPORETTI, ORA LO LEGGERA’ Il sindaco Roberto Zoffoli h Rating: 0
You Are Here: Home » Comunicato Stampa » LA “STAFFETTA” PREMIATA DAL SINDACO ZOFFOLI

LA “STAFFETTA” PREMIATA DAL SINDACO ZOFFOLI

ADA BELLI HA PARTECIPATO ALLA RESISTENZA QUANDO ERA VENTENNE.

VIENE CITATA NEL LIBRO SULLA VITA DI CARLO SAPORETTI, ORA LO LEGGERA’

Il sindaco Roberto Zoffoli ha regalato un mazzo di fiori alla partigiana e staffetta Ada Belli, lodando il suo valore. E’ accaduto durante la presentazione del libro del giornalista Massimo Previato, “Nonno, mi hai fatto sognare”, nel quale viene citata la “pasionaria”. L’evento nell’evento, “Sapore di sale”, si è svolto all’interno della Sagra dell’anguilla, promossa dalla associazione Cervia Auxilia.

Quest’ultima, insieme a “Un posto a tavola” e “Rumours”, utilizzerà i proventi della vendita del libro per una adozione a distanza. La presenza della partigiana, una delle ultime in Romagna ancora così arzilla e in grado di raccontare, è stata quindi il momento clou della iniziativa. “I miei genitori – ha detto la super nonnina – si raccomandavano con me, lamentando il fatto che, prima o poi, mi avrebbero ucciso. Ma io continuavo imperterrita a passare le linee fascista a naziste, portando i dispacci ai partigiani. Allora ero giovane, sono nata nel 1919, e non avevo paura. Forse proprio per l’incoscienza di quella età, non sentivo il pericolo, ma ho corso grandissimi rischi.

Ho conosciuto Carluccio Saporetti, come pure tanti altri come lui che si sono battuti per la libertà”. Lei risiede da 10 anni a Russi con la figlia, dopo avere trascorso la sua vita a Cervia. Lavorava come bracciante e anche salinara, poi si è sposata andando ad abitare nel centro storico, dove ora c’è il ristorante “Al teatro”. Ma nonostante le sue 94 primavere anche adesso non rinuncia alla bicicletta, come pure è capace di tirare una sfoglia da 8 uova. “Dobbiamo tutelare i nostri nonni – sottolinea il sindaco – che rappresentano un valore aggiunto, non solo per i nipoti ma per tutta la società. Nel caso di Ada, siamo di fronte a un esempio di grande coraggio e dedizione alla causa della libertà.

Recentemente è deceduta Elide Cenacchi, altra staffetta che ricordiamo con affetto, e come lei tante donne a Cervia e in Romagna hanno sposato la causa dei partigiani. Anche Ada ha fatto tanti sacrifici, e noi glie ne rendiamo merito”. Con il sindaco erano presenti   l’assessore Gianni Grandu, il presidente dell’Anpi Gianpietro Lippi e il presidente della Consulta del volontariato Oriano Zamagna.

Tutti naturalmente uniti nell’omaggio alla pasionaria che, da sola, ha messo anche d’accordo tre associazioni. “Non vedo l’ora di leggere il libro – si è accomiatata -, ci ritroverò le storie di tanti miei amici partigiani”. Già, perché nonostante l’età la sua mente è sempre lucida, come pure la memoria.

Leave a Comment

© 2019 Powered By Amon Design

Scroll to top